pittori,liguri,800,900,pittura,perizia,stima,arte pittori, liguri, 800, 900, pittura, ottocento ligure, novecento ligure, pittura ligure, pesa, romolo, pergola, costa, discovolo, perissinotti, salietti, rambaldi, sacheri, beniscelli, baldassini, balbi, governato, merello, berto ferrari, rodocanachi, galelli, varni, rayper, issel, musso, de andrade, de avedanio, pittori liguri, italian master, painting ligurien, art, antonio mancini, attilio pusterla, luigi bisi, corcos, italian painting 19th c, angelo barabino, camogli, gallerie enrico, galleria arte casa, stima pittori, pittori liguri, franco dioli, plinio nomellini, genes, giorgio belloni, vittorio corcos, boldini, divisionismo, divisionisti, rubaldo merello, giovanni segantini, luigi rossi, museo tortona, mostra pittura ottocento, italian master, antonio discovolo, gaetano chierici, mosè bianchi, pompeo mariani, gallerie arte, gallerie enrico milano, galleria arte casa genova, cambi aste, il ponte aste, pandolfini aste, boetto aste genova, milano aste, pandolfini aste firenze, farsetti aste prato

PITTORI LIGURI dell' Ottocento e Novecento


Vai ai contenuti

DISCOVOLO ANTONIO - STIMA e Perizia on line in 24h - Servizio GRATUITO -

 

Antonio Discovolo


Bologna 1874 - Bonassola (SP) 1956


Eseguì i primi studi a Firenze con il Fattori. In seguito (dal 1898 al 1911) si trasferisce a Lucca e poi a Roma, partecipando al gruppo ”In arte libertas“ fondato da Nino Costa.
Nel 1900 prese parte alla Promotrice romana e alla IV Triennale di Milano. Dal 1903 al 1920 partecipò all’Esposizione Internazionale di Venezia. Dopo il 1902 aderì al Divisionismo al quale già si era avvicinato tramite il Nomellini (conosciuto a Torre del Lago, nella casa di Giacomo Puccini), propensione rafforzatasi ancor più dopo aver conosciuto il pittore divisionista romano, Lionne.
Dopo il 1910 la sua pittura (anche influenzata da Nino Costa) propende verso effetti simbolici che caratterizzeranno la sua produzione seguente. Nel 1910 si trasferì definitivamente a Bonassola e, dall’anno seguente, espose alla Promotrice genovese, partecipando anche all’Esposizione Internazionale di Belle Arti di Roma e, negli anni 1913-1916, alle Secessioni romane. In questi anni la sua pittura presentava due aspetti diversi: pieno Naturalismo e Simbolismo. Accademico di merito alla Ligustica nel 1920 e di San Luca nel 1942. Assai vasta fu la sua attività espositiva: presso la Galleria Pesaro dal 1920;
la Biennale di Venezia 1924, 1926, 1928, 1930;

la Biennale romana del 1925;

la Quadriennale di Roma del 1935; Palazzo Rosso a Genova nel 1932.
Sue opere figurano ad Arezzo Pinacoteca Civica, alla Quadreria del Comune di Bonassola, a Carrara, a Firenze, alla Galleria d’Arte Moderna di Genova Nervi, di Milano, Novara, Torino, Roma, ecc. DISCOVOLO ANTONIO STIMA E PERIZIA GRATUITA PITTORE LIGURE

 


Home Page | chi sono | Pittori Liguri | Scuole | Stime e Perizie | Criteri di valutazione | contatti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu